Genius Loci – Racconti di Storia locale : “’O Scazzamauriello”

0
338

di Maria Teresa De Nittis

La poesia “’O Scazzamauriello” ,è l’inizio di un percorso impegnativo, volto al recupero e alla riproposta delle tradizioni tremitesi. Scazzamauriello (munaciello) : secondo Benedetto Croce, maurielli erano i monaci benedettini dell’Ordine di San Mauro. Secondo altri studiosi, invece, il nome trae origine dallo spagnolo matamoros, ammazza-mori. In Campania è noto come munaciello; si presenta in forma di nanetto vestito da frate con la chierica e la scazzetella (zucchetto). Alle Tremiti il munaciello veniva identificato con lo scazzamauriello, neonato morto senza il Sacramento del Battesimo.La modernità e la società attuale del denaro e dei consumi, impone con violenza e prepotenza, nuovi canoni e valori al mondo arcaico contadino, che va a scomparire, con le sue superstizioni, tradizioni, e riti legati alla Madre Terra. Tuttavia, la bellezza straordinaria del creato in un cielo stellato e il mistero della vita in esso racchiuso riesce sempre a stupire, anche l’uomo accecato e inaridito  dal potere e dal denaro.

8
12
11
10
9
8 12 11 10 9

Foto di Fabio Tosti Photographer

‘O SCAZZAMAURIELLO

‘Na vota a Tremmete (mo so’ passate  tant’anni),

abbascio a “chella” casa

nun tenevemo ‘a croce ‘e niente,

né acqua, né luce

sulamente na chianta ‘e fico,

quacche gallinella scucciante,

‘o gallo,

l’uorticiello ‘e mellune,

e sorecille tittolaiuole

ca facevano ammuina,

però tenevemo ‘o cane a guardia…

 pecchè?

Che avevano arrubbà, si po’ a Tremmete

 nun ce stava manco

n’ arrobbaciucce?

Quanno ‘o sole  scenneva int’’o mare,

‘a sera

l’ ombre d’‘e zappine

s’allongavano,

sentive scennere p’’e rine nu tremulio

‘a jatta

‘mpizzava ‘e rrecchie, zumpava

‘a copp’ ‘a scanzia,

miaulava fujeva

 s’affucava sotto ‘o lietto,

‘a butteglia ‘e ll’uoglio schiattava

seh – seh !

‘o tenemmo pure nuje int’ ‘a casa

‘o farfariello apprufittante

ca nce faceva fa’ ‘e vierme !

Nuje, piccerilli coll’ arteteca ‘ncuollo

fujevemo int’ ‘a stanzulella nosta

 saglievemo ‘ncoppa ‘e sseggie,

nce appiccecavemo

patèmo pe ce calmà , alluccava:

“ mo chiammo ‘o Munaciello”.

Mammà raccuntava ca ‘e notte

nun ‘a faceva durmì,

‘a zumpava ‘mpietto.

Essa addeventava ‘na mummia,

 lle mancava ‘o ciato.

‘A gente cuntava ca ‘o  Scazzamauriello

era ll’ anema triste ‘e nu criaturo

 muorto senza ‘o Sacramento.

Cammenavano ‘ncopp’ ‘a lengua ati cunt,

per esempio, ‘a visione d’‘e Madunnelle

 Angiulille e Fiammelle,

cani arraggiati e chicchessia.

Doppo ‘ncoppa a chest’isola furesteca

 tràsettero e turiste

nu via-vai ‘e ggente

int’ ‘e casarelle noste

c’ adduravano ‘e mare

co’ ‘e feneste chin ‘e sole

e ‘ngenuità

seh – seh!

Succedette  ‘a babbilonia,

spiretielli nfanfaruti,

diavulille cu’ ‘a scazzetta

ca “ncurnavano” pe’ restà

ma,

 e turiste “scunfidente”

purtàvano denare

e civiltà.

Jette a fernì

ca  pe truvà ‘nu poco e pace

avettema spustà  tutte ‘e cose noste,

e ce ne jettem’ a durmì

dint’a ‘na barracca,

mmiezz o’ voschetto.

Cheste so’cose  e ‘na vota,

mo’ nisciuno ce crede cchiù

 ‘o munno s’è cagnato

‘o cielo, però è sempe magico

chino-chino ‘e stelle e puesia.