Statua in legno di S. Maria a Mare sec. XI

0
245

La cappella di S. Maria a Mare venne edificata sulla sommità di una roccia rivolta a mezzogiorno.

Le pareti interne della cappella sono ornate da un cornicione sorretto da colonnine; la copertura ha volte a crociera, decorata a stucco. In una nicchia soprastante all’altare, è collocata l’antica e miracolosa statua lignea della Madonna bruna col Bambino Gesù al braccio sinistro. La statua , alta un metro circa è l’opera d’arte più antica che questa chiesa conserva, proveniente forse da Costantinopoli, introdotta dai Benedettini nell’XI-XII secolo.

 Già dal XVI sec. numerosi pellegrini, naviganti di popolazioni vicine, lontane e straniere, non solo per motivi di commercio e di momentanea sosta, ma spinti dalla devozione , si fermavano, prima, di proseguire il viaggio a visitare i luoghi di culto del Gargano: il  Santuario dell’Arcangelo Michele del Monte Gargano ( sorto nel V sec., uno tra i più rinomati della cristianità, custodisce, tra l’altro, le pregevolissime Porte di bronzo fuse a Costantinopoli e la statua dell’arcangelo Michele attribuita al Sansovino, dell’anno 1507 in bianco marmo di Carrara) e S. Maria delle Grazie di Kàlena a Peschici (l’abbazia nel primo quarto del secolo XI fu donata dal vescovo Leone di Siponto all’abbazia di Tremiti e subito dopo fu presa sotto la tutela pontificia. Legata alla storia ed ai possedimenti dell’abbazia di Tremiti, Kalena rimase soggetta a questa fino alla sua soppressione da parte dei Borboni nel 1783) quindi “facevano vela” per le isole Diomedee e si fermavano nell’abbazia di S. Nicola . In questi due monasteri, ricostruiti dai Canonici Regolari di S. Agostino adoravano la Beatissima Vergine, Gloriosa  Madre di Dio.Il culto di S. Maria della Protezione è giunto sino ai nostri giorni e continua con la celebrazione dell’Assunzione il 15 agosto. La statua della Madonna, nell’anno indicato dalla cartolina, era ancora quella originale, veniva  installata a bordo di un motopeschereccio ( in cui prendevano posto il clero e le autorità) che compiva il giro delle isole, seguito da una lunga processione di battelli addobbati di fiori . Oggi, l’Immagine per la processione è sostituita da un’altra in gesso, che si trova nella cappella lungo la rampa da cui attraverso l’imbarcatoio di S. Nicola, si arriva all’abitato. La processione intorno alle isole resta sempre un momento di grande suggestione per tremitesi e turisti anche se ha perduto purtroppo  il misticismo e la sua spiritualità.