“Le selvatiche di Tremiti”: acquerelli botanici

0
400

di Maria Teresa De Nittis

Vi presento una serie di 13 acquerelli di piccolo formato (24×17 cm) dedicati al mio studio sul patrimonio botanico delle isole Tremiti, un mondo di lentissima bellezza che mi ha affascinata e coinvolta sin da bambina.

Nell’arcipelago delle Isole Tremiti, composto dalle sei isole di San Domino, San Nicola, Cretaccio, Caprara, Pianosa e la Pelagosa Grande si possono individuare vari tipi di ambienti, gli stessi che caratterizzano le altre isole del Mediterraneo meridionale.

Il bosco di Pinus halepensis  

Per il Baldacci, San Domino è l’isola con la folta estensione di Pinus halepensis; San Nicola l’isola della macchia e Caprara della pseudo- steppa.

 La pineta, già disegnata da Blaeu Mortier nella carta del 1724, occupa gran parte della superficie di San Domino, col suo verde perenne, è l’attrattiva principale di quest’isola.  Famosa per la sua consistenza arborea e per gli alberi colossali, la pineta, nel corso degli anni ha subito gravissimi danni al suo patrimonio boschivo; nel 1950 furono tagliate, 1.011 piante di pino, e nei tre anni successivi, furono resinate altre migliaia di piante. Gli incendi e gli attacchi parassitari hanno provocato danni ancora maggiori alla superba pineta di un tempo. L’incendio più devastante fu quello del 13 luglio 2017, che si sviluppò  a Sud – Ovest di San Domino, nel bosco misto a leccio , alle Viole e alla Cappella dell’Eremita.

la “fascia  costiera”  a ovest di San Domino e Caprara e in modo discontinuo anche lungo le coste marnose di San Nicola e Cretaccio e di Pianosa, è caratterizzata dal limonio (Limonium virgatum e Limonium diomedeum), ginestrino delle scogliere (Lotus cytisoides), aglio delle isole(Allium commutatum), l’erba franca pelosa (Frankenia hirsuta), il cappero (Capparis spinosa), l’erba-medica arborea(Medicago arborea), la grattalingua comune(Reichardia picroides), la barba di Giove (Anthyllis barbajovis) la violaciocca rossa (Matthiola incana) e rari endemismi come il fiordaliso delle Tremiti(Centaurea diomedea), l’alisso di Leuca (Aurinia leucadea),l’asperula di Stalio (Asperula staliana subs. Diomedea).

La “gariga”  (la forma degradata della macchia mediterranea costituita prevalentemente da cespugli nani prevalentemente isolati)  a Nord-Ovest di San Domino, è caratterizzata dall’elicriso italico (Helichrysum italicum), dallo spazzaforno(Thymelaea hirsuta), da specie di carlina raggio d’oro (Carlina corymbosa), l’asparago pungente (Asparagus acutifolius), la scilla marina (Urginea maritima), il lino annuale (Linum trigynum), l’erba mazzolina (Dactylis hispanica), il ginepro feniceo (Juniperus phoenicea) e il centauro giallo(Blackstonia perfogliata).

La”macchia “ a lentiscosoprattutto a San Domino (Pistacia lentiscus) e oleastro (olea sylvestris) a San Nicola e Caprara.

“Prati alofiti”sull’isolotto del Cretaccio, la vegetazione alofila si presenta come un fitto pratello di paleo comune (Brachypodium pinnatum) in subordine del giunco nero(Schoenus nigricans). Fanno parte di questo aggruppamento il centauro maggiore (Centaurium erythraea),l’atriplice alimo(Atriplex halimus). A Pianosa il pratello alofilo è rappresentato dalla salicornia glauca (Arthrocnemum glaucum), la spergularia marina(Spergularia marina) etc.

Legenda di alcune specie arboree presenti sulle isole.

Allium commutatum (Aglio delle isole)

 Anthyllis barbajovis (Barba di Giove)

Asparagus acutifolius (Asparago pungente)

Asperula staliana subs. (Diomedea Asperula di Stalio)

Aurinia leucadea (Alisso di Leuca)

 Blackstonia perfogliata (Centauro giallo)

Capparis spinosa (Cappero)

Carlina corymbosa (Carlina raggio d’oro)

Centaurea diomedea (Fiordaliso delle Tremiti)

Cistus (Cisto)

Crithmum maritimum (Finocchio marino)

Dactylis hispanica (Erba mazzolina)

 Euphorbia dendroides ( Euforbia arborea)

Foeniculum vulgare (Finocchietto selvatico)

Frankenia hirsuta (Erba franca pelosa)

Helichrysum italicum (Elicriso italico)

 Jacobaea marittima (Cineraria argentea)

Juniperus phoenicea (Ginepro feniceo)

Limonium diomedeum ( Limonio)

 Linum trigynum (Lino annuale )

 Lotus cytisoides (Ginestrino delle scogliere)

 Matthiola incana (Violaciocca rossa)

Medicago arborea (Erba-medica arborea)

Myrtus communis (Mirto)

Olea sylvestris (Oleastro)

Pistacia lentiscus (Lentisco)

Reichardia picroides (Grattalingua comune)

 Rosmarinus officinalis (Rosmarino)

 Thymelaea hirsuta (Spazzaforno)

Urginea maritima (Scilla marina)

Galleria fotografica

Maria Teresa De Nittis – Serie piante spontanee di 13 acquerelli di piccolo formato (24×17 cm)

2
1
00
4
3
81
77
78
5
336659029_906360764002045_5822575797742551450_n
337189590_238602618820289_4934419756884092882_n
336867815_1306826903236619_4107556546671006110_n
337339212_139666478846079_1566999892255164315_n
336723980_9231208956951225_7851011071159482553_n
337566472_914430413003293_24907207601498252_n
338413981_922392642435402_2472218153805133834_n
337800478_515793624101432_7142287105551841530_n
337431774_931579251362768_6460014864501988208_n
337384493_626021442245494_2536087954069990609_n
338961997_1636576423446825_3675614236275736743_n
338584727_157389476917757_8124703427719755555_n
339243433_715450170307038_3206667592192903914_n
78
81
77
2 1 00 4 3 81 77 78 5 336659029_906360764002045_5822575797742551450_n 337189590_238602618820289_4934419756884092882_n 336867815_1306826903236619_4107556546671006110_n 337339212_139666478846079_1566999892255164315_n 336723980_9231208956951225_7851011071159482553_n 337566472_914430413003293_24907207601498252_n 338413981_922392642435402_2472218153805133834_n 337800478_515793624101432_7142287105551841530_n 337431774_931579251362768_6460014864501988208_n 337384493_626021442245494_2536087954069990609_n 338961997_1636576423446825_3675614236275736743_n 338584727_157389476917757_8124703427719755555_n 339243433_715450170307038_3206667592192903914_n 78 81 77